Acconto IMU 2020

SI INFORMA CHE

con l'approvazione della Legge n.160/2019 (Legge di Bilancio per l'anno 2020) il 1° gennaio è entrata in vigore la nuova Imposta Municipale Propria – IMU, che ha abolito la TASI e l’IMU componenti della IUC, prevedendone l’unificazione. L’imposta, denominata “nuova IMU”, in vigore dal 2020, mantiene in linea generale gli stessi presupposti soggettivi e oggettivi, disciplinati dalla normativa per l’annualità 2019. Il pagamento dell’imposta avviene in due rate, ossia:

  • 16 giugno per l'acconto;
  • 16 dicembre per il saldo.

Il versamento dell’acconto IMU 2020 dovrà essere pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU per l'anno 2019.

Il versamento della rata a saldo nel mese di dicembre (entro il 16/12) verrà eseguito a conguaglio, sulla base delle aliquote che verranno approvate dall’Ente entro il prossimo 31 luglio, (imposta annua meno acconto) insieme al nuovo Regolamento Comunale.

Rimangono esenti:

  • L’abitazione principale e quelle assimilate per legge o per regolamento (ad esclusione di quelle in Cat. A1-A8-A9);
  • I terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola.

La base imponibile sulla quale è calcolata l’imposta dovuta è ridotta al 50% nei seguenti casi:

  • Comodato d’uso: previo il possesso dei requisiti e con contratto registrato.
  • Fabbricati di interesse storico o artistico di cui all’art. 10 del Decreto Legislativo del 22 gennaio 2004, n. 42.
  • Fabbricati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati.

Esenzioni IMU per il settore turistico

Il D.L. 19 maggio 2020 n. 34 (Decreto Rilancio) prevede che non sia dovuta la prima rata IMU 2020 relativa a:

  1. immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonchè immobili degli stabilimenti termali;
  2. immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e immobili degli agriturismo, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate. 

Infine si ricorda che ai sensi della Legge n. 160/2019 (Legge di Bilancio 2020) è riservato allo Stato il gettito dell’Imu derivante dagli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale “D” calcolato ad aliquota standard pari a 0,76% (quota fissata dallo Stato). Pertanto tale importo è riservato e versato a favore dello Stato con codice tributo 3925.

L’imposta può essere versata tramite il modello F24 o utilizzando apposito bollettino postale.

Maggiori informazioni verranno pubblicate sul sito comunale www.comune.sannicolodarcidano.or.it. Inoltre, sempre sul sito, è a disposizione un applicativo che riporta ogni utile informazione ed agevola il contribuente nel calcolo dell’imposta dovuta. Viene altresì messo a disposizione il modello F24, compilabile e stampabile on-line.

AL FINE DI EVITARE CODE O ASSEMBRAMENTI, È POSSIBILE RICHIEDERE LA COMPILAZIONE DEL MODELLO F24 PER CHI NE AVESSE NECESSITA’ PRENDENDO APPUNTAMENTO TELEFONICO O TRAMITE MAIL AI SEGUENTI RECAPITI

Per qualsiasi informazione rivolgersi a: Ufficio Tributi – 0783 88.213.

MAIL: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

San Nicolò d’Arcidano, 27/05/2020.